3.2 Blogghiamo? il diario online

Il cosidetto Weblog è una sorta di diario su Internet che spesso viene confrontato – non sempre in modo appropriato – a un diario tradizionale. Il blog è di regola pubblico e aiutano l’interazione e collegamento in rete con i destinatari. La multimedialità garantita dalla possibilità di allegare video, audio e foto rende i blog uno strumento personale e attraente.

Un weblog permette la descrizione delle proprie attività in modo processuale, su base cronologica. È  indipendente da servizi commerciali come Facebook e Twitter e ha un potenziale
migliore per quanto riguarda la sua sostenibilità.  Grazie alla sua struttura il blog è particolarmente idoneo per i motori di ricerca e si adatta particolarmente bene a Google.

I blog sono di particolare interesse per le attività politiche. Sono considerati una forma più indipendente di corrispondenza, non sottoposta all’influenza né della politica né del giornalismo. Un caso citabile fra tuttoi il famosissimo blog di Beppe Grillo.

La creazione di un proprio blog non richiede conoscenze particolari. Provider come Google (blogger.com) o WordPress (wordpress.com) offrono sistemi di blog standardizzati e gratuiti. Tali blog non necessitano alcuna installazione e possono essere creati direttamente in pochi minuti nel browser di Internet.

Alcuni punti da osservare al momento della creazione di un blog:

  • Prima di pubblicizzare la nostra creatura, è consigliabile aspettare di aver inserito almeno una manciat di validi articoli. Anche se la gioia è grande, e si desideri pubblicizzare il proprio blog quanto più velocemente possibile, potrebbe essere necessario per il momento pubblicare solo una manciata di contributi. Anche nella blogosfera vale: la prima impressione è quella che conta. I lettori desiderano essere colpiti dallo stile di scrittura e dai contenuti, per poter poi decidere se continuare a seguire o meno questo blog. Un blog con un solo intervento, che serve un po’ come saluto di benvenuto, cadrà presto nell’oblio.
  • Create un blogroll. È paragonabile al dare un’occhiata nello scaffale per i libri degli amici e intuire quali sono i suoi autori preferiti.
  • Inserite Impressum, Contatti, “Chi sono” .
  • Testare, testare, testare.
  • Citate sempre le fonti da cui si ricavano le informazioni.
  • Mostrate interesse per i commenti: la funzione commento è un’offerta di dialogo (non abbiate attese troppo ottimistiche, che siano scritti molti commenti. Dipende molto dal tema e dall’attenzione, che il weblog riesce a ottenere.
  • Partecipate alla discussione su altri blog.
  • Restate autentici.
  • Pochi ma buoni – i contributi devono avere contenuti meritevoli di lettura.
  • Gli interventi devono apparire con una certa regolarità, ma non troppo di rado (una volta al mese).
  • Scegliete dei titoli espressivi per gli interventi.
  • Inserite buone foto e video.
  • Offrite la possibilità di collegamento in rete ad altri servizi di Social Media nella forma ad es. del “pulsante Mi Piace di Facebook” ecc.
  • Bloggate da sobri (non sotto l’influsso di alcool o altra sostanza che altera la percezione, in quanto tutto che è posto online può essere subito trovato dai motori di ricerca.)
  • Non sono consigliabili le osservazioni negative sui datori di lavoro.

Per specialisti:
Il servizio “If this then that” http://ifttt.com/permette il collegamento a diversi servizi di Social Media. In questo modo un blog può essere ad esempio automaticamente arricchito con contenuti di Twitter, foto di Flickr ecc.

Latop500 in Italia, la top100 nel mondo.

Annunci

Pubblicato su Blog

Permalink

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: