4.1 Facebook: istruzioni per l’uso?

Sono trascorsi appena otto anni (2004) da quando Mark Zuckerberg ha dato vita al social network “Facebook”. Limitato inizialmente agli studenti dell’Università di Harvard, l’utilizzo di questa rete rapidamente si estese anche ad altre università. Oggi secondo Alexa.com è il sito più visitato al mondo dopo Google, nel gennaio 2012 Facebook riportava 845 milioni di utenti attivi. Il motto di Facebook è: “Facebook consente di mettersi in contatto con altre persone nel corso propria vita e condividere con loro contenuti.” Tuttavia il social network non è utilizzato solo da persone private per stringere contatti, ma anche numerose società e organizzazioni hanno riconosciuto il potenziale di Facebook per stabilire un contatto e un dialogo diretto con gruppi di destinatari.

Case studies: qualche rapido sguardo

Perfino la donna più potente del mondo, Angela Merkel, è su Facebook. Sebbene (o forse perché) non segua personalmente il suo profilo, esso è molto professionale. Di Angela Merkel si parla regolarmente in terza persona, in questo modo non si viene a creare alcuna falsa impressione dell’autenticità.

Ma anche in Austria i politici fanno sentire la loro presenza nei social network. Qui possiamo ad esempio vedere la pagina Facebook di Eva Glawischnig (portavoce nazionale e leader del partito “Die Grünen”).

Nel panorama italiano possono essere uno spunto di riflessione i profili di Debora Serracchiani, Rita Borsellino, Letizia Moratti ma non solo quelli di Nichi Vendola, Matteo Renzi, Angelino Alfano,  Daniela Santanchè (e chi più ne ha più ne metta). Forse faremo prima a stilare un elenco dei politici che non sono presenti in fb.

Modalità di lettura

Nel dicembre 2011 è stata attivata la Facebook “Timeline” (italiano: “Diario”). Con questa funzione Facebook offre ai suoi utenti la possibilità di raccontare la “storia della propria vita” sul proprio profilo. I cosiddetti “Avvenimenti della vita” possono essere aggiunti alla cronaca, e vanno dalla carriera professionale alle fratture ossee, qualsiasi cosa decidiate di pubblicare siete caldamente invitati a farlo dal team di fb.

Il cambiamento è in parte toccato da critica appassionata, in quanto utenti e responsabili della protezione dei dati personali vedono la cronaca come un ulteriore passo verso l'”uomo di vetro”. Negli ultimi anni Facebook ha subito tra l’altro molte critiche in merito alla mancanza di chiarezza delle impostazioni relative alla privacy. Quindi soprattutto il tema della protezione dei dati personali ha dominato i titoli principali degli articoli negativi scritti in merito a Facebook.

La privacy “da studiare” e “da personalizzare”

Facebook si pone come la piattaforma ideale per collegare in rete contatti di qualsiasi tipo. “Non voglio che tutti vedano cosa faccio il weekend”, una ad esempio delle critiche mosse a Facebook, ma per evitare ciò la soluzione è semplice: non devono essere condivisi tutti i dettagli della vita personale e i contatti possono essere suddivisi in diverse liste in base al grado di conoscenza. Per le singole liste è possibile stabilire quanti di questi contatti del proprio profilo possono vederle.

Facebook offre quattro liste di contatto standard, in cui possono essere organizzati contatti nuovi e vecchi.

Oltre all’organizzazione dei contatti si dovrebbero verificare regolarmente le proprie impostazioni della privacy e dell’account. Inoltre si dovrebbe controllare con regolarità anche il proprio profilo pubblico, affinché non vengano rese inconsapevolmente pubbliche informazioni che dovrebbero in realtà restare private.

Se si desidera rendere pubblico il proprio profilo, è interessante la nuova funzione “Abbonamento“. Questa funzione ricorda molto il principio dei Follower di Twitter (per maggiori informazioni si veda il Capitolo Twitter). La funzione “Abbonamento” permette agli utenti di seguire le notizie di persone, senza aver “fatto amicizia” con loro. A tal fine nelle impostazioni dell’account è necessario abilitare gli abbonamenti. Gli abbonati vedono esclusivamente le notizie per le quali si è scelta l’impostazione “pubblico”. Dopo aver attivato gli abbonamenti, si apre una nuova finestra. Qui è possibile configurare le impostazioni dei commenti, delle informazioni e delle richieste di amicizia.

Le funzioni di fb di gruppi, liste e personalizzazione privacy, restrizioni sulla visibilità dei post e sulla visibilità delle foto, album di foto.
Annunci

Pubblicato su Facebook

Permalink

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: